ESPERIENZE

IL PRESIDENTE DI SEZIONE AI RAGAZZI DELL’UNITALSI ABRUZZESE

Cari ragazzi,
non vi ho mai detto quanto sono orgogliosa di voi e oggi lo voglio fare utilizzando i mezzi di comunicazione più diffusi
Grazie per il vostro servizio e per i vostri sorrisi.
Ogni giorno ci insegnate, con i vostri piccoli gesti, ancora di più il senso dell’appartenenza e soprattutto, a differenza di alcuni, siete riusciti a capire che noi cerchiamo di prendere decisioni esclusivamente per il bene della nostra Sezione. Grazie ancora perché voi continuate a mettere in pratica e a testimoniare il vostro Eccomi senza il bisogno di muovere critiche a chi “FA” anche con il timore di sbagliare ma in perfetta buona fede. Grazie per la vostra straordinaria capacità di rendere speciale ogni momento passato insieme.

Si sta per avvicinare il nostro Pellegrinaggio Regionale a Lourdes e qualunque mezzo di trasporto utilizzeremo nessuno e niente ci potrà togliere l’emozione che andremo a vivere insieme in quei giorni.
Grazie perché siete d’esempio a tanti, perché non avete paura di affrontare il servizio, qualunque esso sia, grazie perché avete capito che solo insieme possiamo rendere speciale la vita di tanti che hanno veramente bisogno di noi.
Noi siamo le gambe e le braccia di chi ha difficoltà motorie, voce e occhi di chi non può parlare e vedere ma soprattutto siamo FAMIGLIA con lo stesso cuore, rosso, vivo che batte di amore e amicizia e che ci rende speciali e uguali.
E’ vero che a volte ci confrontiamo portando ognuno le nostre esperienze ma alla fine ci ritroviamo abbracciati sotto la Grotta di Massabielle e davanti alla Nostra Signora di Lourdes come si trovò l’11 Febbraio 1858 Bernardetta, e come Lei vogliamo sentirci come “la scopa che quando non serve più la si mette dietro la porta, lieta di essere stata utile nell’umile servizio”.
Vi voglio bene
Alessandra


I commenti sono chiusi.